RSS

Disegnare In 3D

Happy Anyway

Cyberbullismo

Una madre che risponde male a una ragazza è atroce. Le auguro che non succeda, ma vorrei proprio vedere se un domani suo figlio fosse vittima di bullismo (perché anche se è soltanto un commento su un Social Network di bullismo si tratta, anzi, per l’esattezza è cyberbullismo) se non le roderà. Beh, temo che più che vittima, se uno cresce con questi valori, è più probabile diventi carnefice. Io un domani vorrei vedere dei ragazzini venire su con veri valori, non con il mito della bellezza. E questo mi ha fatto tornare in mente il programma televisivo “altamente culturale” in cui c’era una, forse proprio Belen, che consigliava di conquistare i ragazzi facendo le scemette, se non sbaglio. Io vorrei vedere un mondo dove le ragazze decidano di non volere un ragazzo se queste sono le motivazioni della scelta. Vorrei vedere ragazzini che siano stimolati continuamente psicologicamente e non vogliano la donna oggetto, perché in questo modo di queste cose si tratterebbe, ma ne vogliano trovare una da custodire al proprio fianco con cui discutere di cose serie e ridere insieme di quelle frivole. La giovinezza e la bellezza passano e vanno, è la bellezza che c'è dentro quella che dovrebbe contare davvero. Io non ho mai avuto niente da ridire mai contro Belen, figuratevi, non mi è mai interessato niente di ciò che faceva o non faceva, non ne ho neanche la minima idea, ma questo bullismo di cui ho sentito (e letto) non è accettabile da qualunque persona sia uscita dalle scuole medie. È anche abbastanza ovvio che se uno ha tempo di passare la propria vita in palestra e fa del mantenersi in forma praticamente un lavoro, può entrare in tutti i vestiti che vuole (tralasciando il fatto che comunque di solito sono fatti su misura). Sarebbe preoccupante se dopo tutti gli sforzi, la fatica e il tempo della propria vita usato in questa maniera non si vedessero i risultati, no? Siamo nel 2014 e facciamo tanto le belle facce nel sostenere i diritti degli omosessuali (giustamente), ma giudichiamo qualcuno per il proprio peso, per la propria corporatura. Molti personaggi che al momento, dandosi i turni di celebrità, cavalcano l’onda dello show business l’unico peso che hanno e che vogliono avere è quello sull’intrattenimento televisivo (che poi, davvero, c’è ancora chi guarda determinati programmi? Io non conosco nessuno che lo faccia, a parte mia nonna, ma lei la televisione la tiene accesa per tenersi compagnia quando il resto della famiglia è a scuola, all’Università o al lavoro). Al posto di voler a tutti i costi rispecchiare la figura leggera e frivola che tutti sembrano voler affibbiare a queste persone, perché queste non prendono il coraggio di usare il potere mediatico che hanno, finché lo hanno, per qualcosa di buono e davvero importante nella vita. Certo, è più facile parlare di vestiti e di “selfie” (per me non lo sarebbe, ma avete capito il punto, spero), ma se io riuscissi a far arrivare a grandi quantità di persone un messaggio, di certo non sarebbe quello di “che cosa indosso oggi”, sarebbe davvero deprimente per me (poi ognuno ha le proprie priorità). Badate bene, io non voglio assolutamente giudicare nessuno e non voglio nemmeno creare alcun tipo di flame, non ne ho alcun interesse a ne ho già avuto abbastanza ogni qual volta che spunta questa foto da qualche parte, ma vorrei soltanto, nel mio piccolo, che chiunque, da chi ha più visibilità a chi ne ha meno, pensasse maggiormente a cosa dice o scrive, soprattutto quando decide di giudicare o insultare qualcun altro. Non potete sapere chi avete dall’altra parte. E non mi riferisco soltanto al commento di Belen riguardo a quella ragazza (anche se, a mio parere, per far scaldare tanto una persona di solito significa che si ha colpito nel segno, ma queste sono mie congetture, essendo esterna a ogni faccenda). In questo mondo il bullismo è all’ordine del giorno ed è orribile come ogni giorno tutti noi siamo testimoni di episodi del genere e spesso, magari per nostra debolezza nel non voler essere coinvolti, non agiamo e non interveniamo. È vero che un mondo senza bullismo è un’utopia, ma se partissimo tutti dalle piccole cose, almeno chi è in grado di ragionare con una propria testa, quanti episodi in meno ci sarebbero, quante persone in meno verrebbero ferite, quanti persone sarebbero più felici un domani. Il bullismo ferisce oggi, ma sono ferite che ti rimangono dentro (altrimenti non si tratterebbe nemmeno di bullismo, nel caso l’altra parte non fosse toccata e non ne soffrisse). Comunque ci sono ragazze e ragazzi che vivono una vita tra le continue sofferenze a causa di problemi alimentari e questo, purtroppo, non fa loro raggiungere la felicità. Preferirei dieci, cento, mille volte vedere una ragazza felice di essere così com'è piuttosto che una (bella, brutta, alta, basso, magra, robusta che sia) frustrata. E preferisco percepire un buon cuore piuttosto che un comportamento davvero cattivo (Capitan Ovvio, lo so). Spero possiate essere tutti d’accordo con me, almeno chi è riuscito a leggere tutto il mio commento (con tutti i libri che spero abbiate nella vostra lista da cui attingere ogni qual volta abbiate tempo, credo non ci sia il mio commento, ma grazie). Il problema che è sorto in questo caso, che ha mosso lo scontento generale, non è l’episodio in sé (quante ragazzine si azzuffano a suon di insulti ogni giorno sulla vostra Home di Facebook?), ma a mio parere la cosa più grave è che questo episodio sia avvenuto non da parte di una persona comune che si chiede perché le persone debbano rompere le scatole proprio a lei, ma da una donna adulta, una madre (che secondo me è un elemento importante) che volontariamente ogni giorno si pone sotto i riflettori. Sì, lo so che è il suo lavoro, ma il suo lavoro non credo coinvolga anche il continuare a postare la sua vita privata sui Social Network (se si chiama “privata”, penso, un motivo ci sarà, no?). Per poter fare parte del mondo dello spettacolo, oltre ad avere carisma (e non voglio approfondire gli altri ingredienti, né ora mi interessa), bisognerebbe acquisire quella capacità di farsi scivolare addosso le critiche, soprattutto quelle più sciocche e gratuite. Avendo un largo bacino d’utenza che ogni giorno viene martellato fin troppo da queste figure, è più che normale avere qualcuno a cui si piace e qualcuno a cui non si piace (come anche qualcuno a cui si sta proprio antipatici a pelle, come succede anche nella vita). Se i personaggi talentuosi e di spicco per cose davvero importanti nazionali e internazionali si lasciassero abbattere, si irritassero, si mettessero sul piede di guerra o si mettessero ad insultare ogni qual volta andassero incontro a qualche altro essere umano dalle idee differenti, sarebbe la fine. Saremmo tutti un ammasso di bestie pronte a sbranarsi a vicenda. Io non giudico né la ragazza né Belen (e neppure gli altri, sono molto “vivi e lascia vivere”, fate quello che volete della vostra vita), ma mi piacerebbe vivere in un mondo migliore. Lo so, è assurdo scriverlo qui sotto, ma secondo me, anche se queste forse saranno solo parole lanciate nel vento, bisogna partire dalle piccole cose, dai comportamenti di tutti i giorni, da una parola gentile detta alla persona giusta nel momento giusto. Miglioreremo la giornata e la vita agli altri e in questo modo lo faremo anche a noi.

Porto Sicuro

Non pretendo di essere la soluzione ad ogni male.
Vorrei solamente essere il porto sicuro dove puoi attraccare.

La Ragazza Che Non Scriveva Un Fico Secco

Negli ultimi tempi, più che "La Ragazza Che Scriveva Troppo", potrei farmi chiamare "La Ragazza Che Non Scriveva Un Fico Secco".
Non che il materiale mi manchi.
Una pila di bozze di cui non è ancora arrivato il tempo di vedere luce.
Ok, lo ammetto, sono settimane, se non mesi che non scrivo niente.
Beh, se non contiamo quaderni e quaderni di appunti dell'Università.
Ma dove è finito quel fuoco che mi bruciava dentro?
Quello che dovevo fare fuori uscire attraverso le mie parole.
Dove sono finite le emozioni forti?
Quelle che dovevo scrivere per vederle sempre vive.

Colpa

Non riesco proprio a capirne il perché.
Sembra che qualunque cosa io ultimamente faccia, non vada mai bene.
Come se ogni giorno mi macchiassi di chissà quale colpa.
Una colpa in cui lasciarmi.
Come se non valesse la pena farmene partecipe.
Come se qualunque cosa io possa voler fare per porre un qualche tipo di rimedio sia inutile.

E i miei occhi, semplicemente, non riescono a vederlo.

Mosso Da Te

È buffo come tu, che sei così lontano, sia spesso l’interlocutore di ogni mio discorso.
Come se, nonostante tutto, io possa trasmetterti comunque le mie parole.
Anche se molte di loro non te le dirò mai.
Una parte di me sa che puoi darmi qualcosa di buono anche tu.
O forse ci spera soltanto.
O il buono che mi dai è il buono che di me fai uscire.
Sono questi pensieri, che affollano folli la mia testa.
Vogliono uscire per trovare un loro posto.
Per trovare un senso una volta messe giù.
Sembra che ogni cosa sia condotta da una forza maggiore.
Qualcosa che viene da fuori.

E tutto questo, ora, è mosso da te.

Normale

Non vi è mai saltato in mente di voler essere "normali"?
Non so, uscire la sera, andare in un locale con gli amici...
Essere presa in macchina sotto casa e riportata la sera.
Uscire a mangiare, andare al mare, fare una gita, guardare le stelle...
Avere tante cose da raccontarsi.
Ci sono così tante cose che nella vita si possono fare e non mi voglio accontentare.

Arte Con Oggetti Di Tutti I Giorni

Nessuno Mi Conosce

Ed è stando sdraiata a letto, non riuscendo a prendere sonno che l'ho realizzato.
Non mi conosce nessuno.
Non per essere fatalista, ma diamine.
Se io in questo momento scomparissi, che cosa direbbe la gente di me?
Per i miei compagni di Università, probabilmente, sarei quella asociale.
Per un gruppo di persone sarei quella candida brava ragazza fragile e in perenne pericolo.
Per altri sono la carnefice, una stronza.
Alcuni mi considerano simpatica, altri proprio antipatica, mentre taluni rimangono straniti dell'umorismo che mostro loro.
Per certi sono una nerd patentata o una fan sfegatata, mentre coloro che lo sono veramente mi considerano una noob.
O su un lato o su un altro.
Sto sempre dalla parte opposta rispetto agli altri.
Mai dalla parte giusta.
Tutti si sono fatti, bene o male, un'idea di me.
E forse, in po' inconsciamente, mantengo la parte che mi è stata affidata.
Non so perché.
Forse perché è più facile così.
È più facile essere consci di cosa la gente pensa di te.
Probabilmente ti aiuta a sapere anche come comportarsi con loro.
In sostanza, però, così con ognuno devo mantenere una determinata parte.
E alla fine?
Alla fine non ho nessun amico fidato.
Nessuno a cui raccontare la mia giornata, le mie cose, la mia vita.
E in sostanza, nessuno mi conosce.
E forse non mi conosco esattamente neanche io.

Essere Genitori



















____________________ Pensieri Più Letti Della Settimana ____________________

_____ Da che parte del mondo arrivano coloro che partecipano a questi pensieri? _____

free counters